Adolfo Wildt- primo scultore d’Italia, genio solitario, grandioso maestro del Novecento
Workout Magazine By Studio Chiesa Communication

Adolfo Wildt- primo scultore d'Italia, genio solitario, grandioso maestro del Novecento

Elisabetta Pozzetti ci accompagna nel racconto della mostra “Adolfo Wildt. L’anima e le forme tra Michelangelo e Klimt”.

L’opera di Wildt si colloca sulla sottile linea di confine tra il prodigiosamente antico e lo straordinariamente moderno, in grado di traguardare un futuro imperscrutabile arrivando ad essere ai giorni nostri un artista contemporaneo, dalla straordinaria sensibilità.

Post correlati

Cultura

Noi tutti insieme alla Biennale di Venezia

Nostra cifra distintiva, che ci caratterizza da sempre, è un approccio progettuale che vede nell’arte il bacino da cui trarre espressioni e stimoli…

leggi tutto →
Cultura

IL MUSEO ETTORE GUATELLI NELLA SPECIALE GUIDA DEL DIRETTORE MARIO TURCI (1-4)

Il Museo Ettore Guatelli a Ozzano Taro di Collecchio (PR) è uno scrigno di storie, di narrazioni che attraverso gli oggetti…

leggi tutto →
Cultura

STUDIO CHIESA RACCONTA LA MOSTRA MIMICRY DI CHIARA LECCA

L’operato artistico di Chiara Lecca si struttura sull’utilizzo di residui di origine animale che vengono riconnotati in un contesto…

leggi tutto →