BIG DATA: al servizio della Lead Generation

Workout Magazine - Studio Chiesa communication

BIG DATA: al servizio della Lead Generation

BIG DATA. Wow! Già il nome stesso incute rispetto: BIG DATA! Qualcosa di grande, enorme, difficile da controllare. A me piace pensarli come una grande costellazione. Come un insieme di dati e informazioni eterogenei, più o meno strutturati, che sono prodotti in rete da ciascuno di noi e che sono tra loro connessi. Proprio come una delle 88 costellazioni celesti. La costellazione dei BIG DATA.

Se state pensando “va bè, ma allora di fatto che cosa sono? Dati, chiaro. Ma di che cosa? Come si generano?” vi invito a cliccare su questo link qui .

Vedete i numeri che cambiano nella chart? Questo è quanto sta succedendo online mentre voi siete connessi sulla pagina. Quelli sono i Giga e Giga di informazioni (gusti, profilazioni, accessi, registrazioni, click…) che la rete sta raccogliendo e che sono prodotti da tutti coloro che stanno utilizzando un dispositivo digitale in questo preciso momento. Proprio mentre voi state leggendo. E proprio perché lo state facendo online – magari su Linkedin – state generando BIG DATA.  Che sono, poi, a disposizione di chi ha l’ardore di provare a maneggiarli.

Quindi, in pratica, che cosa se ne fa un’azienda di tutti questi dati?

Pensate che il mercato degli analytics, solamente in Italia, ha superato nel 2021 quota 2 miliardi di euro. Possiamo serenamente affermare che oggi i big data sono la moneta del nuovo millennio; l’oro del 2000 (per essere precisi, gli esperti parlano di Società dei Dati a partire dal 2015). L’analisi dei dati crea, di fatto, per un’azienda un vantaggio competitivo rispetto ad un competitor diretto. Questo perché, visti in ottica B2B e B2C, sono preziosissimi per le aziende per definire linee strategiche del proprio business basate sull’analisi di scelte reali e personali degli stakeholder di loro interesse. Un modo per incontrare i dati del proprio consumatore in real time e tradurli in azioni specifiche di comunicazione off e online che possano anticipare i loro bisogni, generare una necessità e, contestualmente, una azione risolutiva.

Analizzandoli è dunque possibile creare una migliore relazione con il proprio stakeholder, incrementare le vendite, ampliare offerte e servizi colmando eventuali lacune, identificare nuove aree di business, inserirsi in mercati nuovi, migliorare la digital experience degli utenti sui portali e siti aziendali.

È fondamentale tenere sempre a mente che l’analisi dei BIG DATA non serve per generare report. O meglio; non solo. Ma serve per comprendere che cosa sta succedendo intorno al nostro brand per poter prendere decisioni migliori sfruttando una conoscenza competitiva a priori del mercato di interesse.

Workout Magazine – Studio Chiesa communication

Post correlati

Digital Marketing

È la morte della programmatic advertising?

Chrome dice addio ai cookies parti terze: l’impatto in termini di Programmatic Advertising sarà importante. Tanto da decretarne la morte?

Per iniziare l’anno con il piede giusto serve proprio un bel boom! Lo dice anche Kindra Hall nel suo libro sullo storytelling: scompigliare le carte e creare distorsione per farsi ricordare. Non che a Google serva questo per farsi ricordare. Ci mancherebbe! Ma

leggi tutto →
Digital Marketing

L’e-commerce entra nelle aziende commodity come supporto alla crescita

Marcegaglia lancia “Marcegaglia webSALES”

Esistono molteplici plus grazie a quali le aziende commodity possono trarre vantaggio dall’e-commerce per ampliare il loro business.

leggi tutto →
Digital Marketing

Autunno: è tempo di pianificare!

Studio Chiesa ti affianca per creare il piano di comunicazione, a supporto delle tue attività di business.

L’autunno è il momento “caldo” per le aziende, anche del B2B industrial, in cui iniziare a pianificare le attività di marketing e comunicazione da mettere in campo per l’anno successivo, in modo da riservare le quote di budget necessarie all’interno del business plan generale.

leggi tutto →

Hai già letto la nostra newsletter?

Ogni mese proponiamo contenuti sempre aggiornati su branding, digital marketing, sostenibilità e cultura di impresa. Workout Magazine è molto più di una newsletter: è uno strumento per allenare la mente, arricchire il pensiero e dare forma a nuovi talenti.

"*" indica i campi obbligatori

Nome