Ci mancava solo il Metaverso! L’universo parallelo come prospettiva per il B2B

Workout Magazine - Studio Chiesa communication

Ci mancava solo il Metaverso! L’universo parallelo come prospettiva per il B2B

Ci siamo! Finalmente è arrivato un punto fermo sul tema del metaverso; che tanto ha appassionato nei mesi scorsi. La filiale australiana di KPMG – una tra le 4 Big Four che si spartiscono il mercato mondiale della revisione contabile d’azienda – ha aperto le danze. O forse le ha chiuse; dipende dai punti di vista. In un’intervista rilasciata nei giorni scorsi James Mabbott, partner responsabile di KPMG Futures, ha dichiarato:

“Penso che le applicazioni davvero interessanti [del metaverso] saranno nel contesto Business to Business […] E penso che in realtà sia lì che i soldi saranno davvero, ancor più che nella partecipazione guidata dai consumatori”.

In sostanza, per dirla con le parole di tutti i giorni: il B2B è il vero driver dello sviluppo del metaverso. KPGM, come tante altre big companies, potranno presto tenere incontri esecutivi e affari multi-milionari nel metaverso lanciando, così, nuovi modelli di business che trovano, sicuramente, nel B2B il partner di riferimento.

A dar manforte a questa visione, arriva la McKinsey, società globale di consulenza, che in un rapporto di giugno 2022 afferma che il metaverso potrebbe arrivare a valere 5 trilioni di dollari entro il 2030.

E quindi la domanda, a questo punto, diventa:

quali opportunità può e deve cogliere il B2B nel metaverso?

METAVERSO: TECNOLOGIA O RIVOLUZIONE CULTURALE?

Certo è che prima di cogliere qualsivoglia opportunità è necessario porsi nel mood corretto. La dicotomia tra tecnologia e rivoluzione culturale è intrinseca al concetto stesso di novità. Soprattutto quando la novità è, essa stessa, tecnologia.

Ma il metaverso NON E’ NUOVO. Concetti come realtà virtuale o cyberspazio sono ampiamente conosciuti. Così come il concetto di 3D. E di fatto sono, essi stessi, un metaverso. Dov’è quindi la vera novità, oggi?

META-VERSO NUOVI MODELLI DI BUSINESS

Il mondo del B2B si è abituato alla distanza. Complice sicuramente anche la pandemia mondiale che ha obbligato ad aumentare le distanze tra le persone. Strumenti come Teams, Meet e Zoom sono diventati all’ordine del giorno. Ma non hanno potuto supplire ad una mancanza, sicuramente, fondamentale: l’empatia.  Ne abbiamo parlato già largamente: la comunicazione contemporanea è orientata a modelli H2H in cui la componente emotiva umana è strategica e fondamentale. E, le piattaforme di cui sopra, seppur indispensabili, non permettono sicuramente un’esperienza immersiva sotto un profilo puramente umano. Con il metaverso tutto questo viene superato: l’esperienza diventa coinvolgente in un ambiente creato ad hoc per questo. Nel metaverso è possibile vedere e toccare con mano l’azienda, i prodotti e il brand; e questo sicuramente non si può ottenere da una video-call.

Ma non solo. Oggi il metaverso è uno spazio da costruire: ci sono la tecnologia, i suoi principi e le grandi potenzialità che vanno ancora plasmate.  

Il metaverso può essere molto di più di quello che conosciamo: un luogo in cui il mondo reale diventa più virtuale. Un mondo in cui strati di informazioni, contenuti e interattività migliorano la realtà stessa e generano interazioni di business nuove. Una contestualizzazione controllabile e personalizzabile degli spazi che ci circondano.

Un modo nuovo e diverso di generare lead e mettere in campo nuove azioni per scambiare valore: in linea anche con la nuova tendenza di portare il valore del brand e del prodotto su un livello in cui lo storytelling e la visione di prodotto come servizio sono le nuove chiavi di lettura. Ed ecco, quindi, che di conseguenza si possono sviluppare relazioni più profonde con clienti costantemente informati e aggiornati, con una condivisione in tempo reale e potenziata di tutti i dati connessi al marchio o al prodotto.

METAVERSO: LE SFIDE

Le opportunità sono sicuramente tante. Infinite. Potenzialmente multi-verso nel meta-verso. Ma si scontrano con un limite; ad oggi ancora predominante: sono necessari progressi in aree come l’interoperabilità, gli standard e i protocolli per consentire ai diversi ambienti di interconnettersi tra loro. Ma non solo. Anche il supporto operativo – la larghezza di banda – dovrà essere maggiore per consentire la quantità di dati che devono essere trasmessi.

Studio Chiesa è da sempre attento a tutte le nuove metodologie di comunicazione in un costante allenamento della mente per portare innovazione, valore, struttura e conoscenza a tutte le realtà B2B Industrial che segue da oltre 40 anni di attività.

Workout Magazine – Studio Chiesa communication

Post correlati

Digital Marketing

È la morte della programmatic advertising?

Chrome dice addio ai cookies parti terze: l’impatto in termini di Programmatic Advertising sarà importante. Tanto da decretarne la morte?

Per iniziare l’anno con il piede giusto serve proprio un bel boom! Lo dice anche Kindra Hall nel suo libro sullo storytelling: scompigliare le carte e creare distorsione per farsi ricordare. Non che a Google serva questo per farsi ricordare. Ci mancherebbe! Ma

leggi tutto →
Digital Marketing

L’e-commerce entra nelle aziende commodity come supporto alla crescita

Marcegaglia lancia “Marcegaglia webSALES”

Esistono molteplici plus grazie a quali le aziende commodity possono trarre vantaggio dall’e-commerce per ampliare il loro business.

leggi tutto →
Digital Marketing

Autunno: è tempo di pianificare!

Studio Chiesa ti affianca per creare il piano di comunicazione, a supporto delle tue attività di business.

L’autunno è il momento “caldo” per le aziende, anche del B2B industrial, in cui iniziare a pianificare le attività di marketing e comunicazione da mettere in campo per l’anno successivo, in modo da riservare le quote di budget necessarie all’interno del business plan generale.

leggi tutto →

Hai già letto la nostra newsletter?

Ogni mese proponiamo contenuti sempre aggiornati su branding, digital marketing, sostenibilità e cultura di impresa. Workout Magazine è molto più di una newsletter: è uno strumento per allenare la mente, arricchire il pensiero e dare forma a nuovi talenti.

"*" indica i campi obbligatori

Nome