CONTENT CREATOR: VALORE AL CREATORE, VALORE AL BRAND
Workout Magazine - Studio Chiesa Communication

CONTENT CREATOR: VALORE AL CREATORE, VALORE AL BRAND

Se ne è parlato molto in questi mesi: il DDL Concorrenza approvato dal Senato riconosce il ruolo del Content Creator; ovvero il creatore di contenuti digitali. Per essere concreti: chiunque navighi in rete – per lavoro o piacere – impatta in informazioni digitali; prevalentemente sotto-forma di immagini, video e caroselli. Contenuti creati appositamente per creare engagement, aumentare il pubblico e generare una sempre maggiore reputation intorno al brand ottenendo, auspicabilmente, un miglior positioning. E se, come ci ha insegnato Bill Gates, “Content is the King”, allora risulta evidente il ruolo fondamentale e strategico del Content Creator. Ma chi è questa figura? Serviva davvero un DDL per evidenziarne la centralità nel processo di comunicazione?

CONTENT CREATOR: OVVERO IL LAVORO CHE NON PUO’ FARE “MIO CUGGINO”

È innegabile che la rete sia inondata di contenuti digitali. Ma sono tutti uguali? Una prima differenza, fondamentale però, è tra quelli che generano un valore e quelli, al contrario, fini a loro stessi. Un Content Creator vero sa creare non solo contenuti specifici per il brand, ma anche fortemente targettizzati rispetto al Social Media o allo strumento digitale (e offline) di utilizzo. Inoltre è in grado di coniugare sapientemente gli aspetti emozionali con quelli intrinseci del brand. In altre parole, non stiamo parlando di contenuti digitali “nati dal nulla”, bensì di vere e proprie opere d’ingegno frutto di un sapiente mix di impegno, conoscenza, analisi dei dati e dei trend, condivisione con la community, valorizzazione del brand; insomma molto di più di quanto normalmente si penserebbe. Ed è solo diffidando dalle imitazioni (il famoso mio cuggino che sembra proliferare nelle professioni digital) e affidandosi ad un Content Creator professionista che si può generare un contenuto di valore e strategico al brand.

CONTENT CREATOR: UNA FIGURA CHIAVE AL SERVIZIO DEL B2B

Come abbiamo detto, un contenuto di valore genera valore per il brand. E questo è sicuramente strategico in ambito B2B per comunicare con autorevolezza e solidità verso il proprio target; ovvero un’altra azienda. Per divulgare al meglio i propri valori, per far crescere il proprio brand, migliorandone la reputation e, di conseguenza, il positioning. È chiaro che l’obiettivo finale è quello, attraverso canali online e Social, newsletter e DEM, webinar e pubblicazioni e altri strumenti digital, di affermare il proprio marchio come leader nel mercato di riferimento per generare crescita e fidelizzare i propri clienti. In assoluto, soprattutto nel B2B, è scontato – ma doveroso ripeterlo – che pianificare e attuare una strategia di Content Marketing B2B attraverso Content Creator specializzati è il punto di partenza verso obiettivi ben più alti. Soprattutto considerando che nel B2B il ciclo di vendita di un prodotto è sicuramente più lungo di quanto accade per il B2C. E dunque la necessità di ingaggiare e tenere ingaggiato il proprio pubblico con un contenuto valoriale, interessante e strategico ai fini della fidelizzazione e del top-down lungo il funnel di vendita è basilare. Il mondo del B2B è fatto di tempo:

  • il tempo per ricercare,
  • il tempo per prendere in considerazione un brand,
  • il tempo per fidarsi,
  • il tempo per decidere.

Ecco perché il ruolo del Content Creator è strategico: per tenere interessato, incuriosito e affiliato al brand l’interlocutore. Con competenza, conoscenza ed esperienza.

CONCLUSIONI

Investire in creazione di contenuti non è mai a vuoto se fatto con professionisti del settore. Al contrario. È un investimento di valore, per generare valore.

#Sapevatelo… noi di Studio Chiesa ci occupiamo – da 40 anni – anche di Content Creation con un team interno di Copywriter, Editor e Content Marketer specializzati nelle strategie di comunicazione B2B.

Workout Magazine – Studio Chiesa Communication

Post correlati

Sostenibilità

È POSSIBILE PULIRE L’ARIA?

La start-up elvetica Climeworks ha sviluppato una tecnologia in grado di estrarre l’anidride carbonica dall’aria, equiparando…

leggi tutto →
Sostenibilità

COME SI LAVORA IN ITALIA?

Ci sono 112 aziende italiane certificate Top Employers 2021. La certificazione viene assegnata dal Top Employers Institute,..

leggi tutto →
Sostenibilità

L’ITALIA SI CONFERMA CAMPIONE D’EUROPA NELL’ECONOMIA CIRCOLARE

Per il terzo anno consecutivo l’Italia si conferma il Paese UE che registra la miglior performance nel riciclo…

leggi tutto →

Hai già letto la nostra newsletter?

Ogni mese proponiamo contenuti sempre aggiornati su branding, digital marketing, sostenibilità e cultura di impresa. Workout Magazine è molto più di una newsletter: è uno strumento per allenare la mente, arricchire il pensiero e dare forma a nuovi talenti.

"*" indica i campi obbligatori

Nome
Consenso*