Human to Human: comunicare l’azienda emozionando!
Workout Magazine By Studio Chiesa Communication

Human to Human: comunicare l’azienda emozionando!

Non c’è verità più vera di quando si dice che la storia è ciclica o, ancor meglio, che dalla storia si impara sempre qualcosa! Scontato, direte voi, nella vita quotidiana. E su questo sono d’accordissimo. Ma se vi dicessi che la storia ci sta insegnando tantissimo anche di comunicazione nell’era digital… ci credereste? Ebbene sì! Ci ho riflettuto a lungo e penso che oggi stiamo vivendo un déjà-vu insolito che risale (addirittura) a metà del XIV secolo: siamo nell’epoca dell’UMANESIMO DIGITALE. E, in senso più ampio, dell’UMANESIMO della COMUNICAZIONE.

UMANESIMO DELLA COMUNICAZIONE

Per rinfrescare la memoria: “il termine UMANESIMO è usato per caratterizzare ogni orientamento che riprenda il senso e i valori affermatisi nella cultura umanistica: dall’amore per gli studi classici e per le humanae litterae alla concezione dell’uomo e della sua ‘dignità’ quale autore della propria storia, punto di riferimento costante e centrale della riflessione filosofica” (Enciclopedia Treccani).

Che cosa significa questo per la comunicazione? Detto altrimenti; le aziende, oggi, che vogliono comunicare efficacemente con il proprio pubblico devono ri-affermare la centralità della persona nel processo di comunicazione e di tutto quanto ad essa collegata: sentimenti, emozioni, desideri… devono orientarsi ad un MARKETING RELAZIONALE in cui la controparte diventa cuore pulsante di ogni strategia; di ogni azione.

DAL B2B AL H2H

Il concetto è nuovo e arriva dal mondo anglosassone; in particolare dagli USA. Bryan Kramer – CEO di una famosa agenzia digital americana – nel suo libro (diventato un must have della comunicazione contemporanea) There Is No B2B or B2C: It’s Human to Human #H2H (Non esiste più il B2B o il B2C: oggi è Human to Human) esprime il concetto in modo chiaro:

“Business don’t have emotion, humans do and humans are what power business. Humanizing your brand is your competitive advantage” (Le aziende non hanno emozioni, le persone sì. E le persone sono l’anima e il motore delle aziende. Umanizzare il proprio brand è il proprio vantaggio competitivo).

COME ESSERE H2H

Come fare questo in senso generale e ancor più nell’era del digital in cui è stato scritto di tutto su tutto? Come emergere?

Chiaramente non basta più emozionare o cercare di fare leva sui desideri/sentimenti per generare un interesse e un orientamento al proprio brand. Ma si deve entrare con conoscenza e capacità nel mondo della natura cognitiva dell’uomo. E qui entrano in scena le Neuroscienze/Neuromarketing. Come si orientano i processi cognitivi umani? Come li posso influenzare? Come inserirsi positivamente e proficuamente in un processo di scelta?

  1. FIDUCIA, REPUTAZIONE, VALORE

Forse più una base di partenza, che un punto operativo… in ogni caso strategico e fondamentale è costruire una strategia in cui le azioni di comunicazione ruotano intorno a quei valori e a quei legami che caratterizzano il brand con l’obiettivo di creare fiducia, reputazione, valore al marchio stesso. L’obiettivo non è più una comunicazione monodirezionale, ma una comunicazione bi-direzionale in cui trarre dalla conoscenza della natura umana e della natura cognitiva dell’uomo tutti quegli spunti per creare una relazione di valore duratura nel tempo.

  1. CAMBIAMENTO, ANTICIPAZIONE, NUOVI RUOLI

Le aziende oggi devono comprendere che il loro ruolo – nel processo di comunicazione – non è più solo di business, ma anche di interpretazione sociale e culturale della realtà a cui si rivolgono. Le aziende sono fatte di persone e (nel B2B) comunicare con un’azienda significa, comunque, comunicare con persone. Rivolgersi al lato umano delle persone – e non al ruolo aziendale o al ruolo di consumatore – significa allinearsi e creare una relazione su desideri, visioni, pensieri, dubbi… significa creare una relazione in cui al centro si mette la persona e si cerca di dare risposta ai suoi bisogni concreti con soluzioni reali.

  1. STORYTELLING

Il valore delle parole, nella comunicazione H2H, è centrale. Comunicare H2H significa raccontare, aprirsi e mettersi in gioco. Ogni azienda deve saper esprimere sé stessa e la propria unicità basata sulla cultura d’impresa e i valori aziendali per instaurare relazioni vere e forti con i propri interlocutori. Per fare questo strategie di storytelling, di content marketing e di brand journalism sono all’ordine del giorno.

Una comunicazione, insomma, che torna alle origini. Che diventa sempre più genuina, vera, lineare. Coinvolgente, ma non stucchevole. Non urlata e non autoreferenziale. Fatta con il cuore. Che mette sullo stesso piano i due poli del messaggio: un uomo che comunica/un uomo che ascolta. Una comunicazione HUMAN TO HUMAN.

Workout Magazine By Studio Chiesa Communication

Post correlati

Digital Marketing

Think globally, act locally

Sempre più aziende B2B puntano sugli strumenti digitali per approcciare nuovi mercati e allargare il loro business…

leggi tutto →
Digital Marketing

Content marketing: insegnamenti di PASQUA!

BUONA PASQUA! O anche: AUGURI DI PASQUA! Fino all’inglesissimo – anche se siamo Italiani…

leggi tutto →
Digital Marketing

Da LEAD a CLIENTE: che cos’è e come funziona la lead generation nel B2B!

Piace tanto, a noi italiani, l’inglesismo… soprattutto nel marketing e nella comunicazione…

leggi tutto →