INFLUENCER DELLE… PAROLE: UX WRITING
Workout Magazine By Studio Chiesa Communication

Influencer delle… parole: UX WRITING

Ci sono influencer assai meno conosciuti dei vari Ferragnez, Khaby Lame & Co, ma altrettanto “potenti”. Solo che al posto delle foto, dei video e dei profili Social hanno strumenti diversi… usano, infatti, le parole. Proprio così: le parole. Sempre online e sempre digital. Ma parole. Perché se una foto è immediata – e le ciabatte di gomma a suola alta indossate dalla Ferragni vanno a ruba in 15 secondi – le parole del mondo digital sedimentano nel “retrocranio” di chi legge, stanno lì, lavorano e bam… compiono il loro scopo: guidano l’utente verso il compimento di una determinata azione. Ma non tutte le parole fanno questo. Bisogna saperle scegliere accuratamente, dosarle con attenzione e combinarle tra loro in modo corretto.

Da dove cominciare? Da un paio di definizioni!

Avrete tutti sentito parlare – va molto di moda – di UX, UI, UX WRITING e tanto altro. Facciamo chiarezza: tutto muove dallo User di un sito o di un contenuto digitale che deve vivere un’esperienza (eXperience) piacevole e interessante online, con una Interaction semplice, ma avvincente che gli possa permettere di trovare con facilità quello che sta cercando e possibilmente leggendo un contenuto piacevole, simpatico e ammaliante (Writing) che lo spinga nella direzione richiesta dal brand.

Ecco quindi spiegato il ruolo della parola nel mondo digital. Si parla spesso di microcopy; ma secondo me è riduttivo. Perché di micro c’è davvero poco: saper scrivere bene per l’online non è semplice. Al contrario. E’ proprio un macro lavoro. Bisogna sapere tanto di tecnica di scrittura, ma anche di SEO e codice e non ultimo di neuromarketing. Ma non solo. Al punto che esiste una differenza di fondo ben sostanziale tra le figure professionali che ruotano attorno al mondo della parola: copywriter e web writer. Il copy è una figura del marketing nel senso più stretto del termine. E’ sicuramente orientato alle vendite: cerca – e scrive; possibilmente – le parole giuste per vendere un determinato prodotto o marchio o servizio. Il web writer, invece, usa le parole per guidare l’utente a far qualcosa.

Cosa significa? Che quando leggete un contenuto online abdicate al libero arbitrio? Certamente no. Ma sicuramente, se un testo è scritto bene, la propensione a compiere una determinata azione sarà maggiore. E questo è ancor più rilevante quando un brand è a caccia di LEAD da trasformare in clienti. Le poche battute concesse a questi testi (da cui microcopy) sono fondamentali per spronare e incentivare in modo decisivo l’utente e per questo hanno bisogno di cura, passione e attenzione per funzionare correttamente e a dovere. Sarebbe un peccato perdere il proprio lead per strada, dopo che lo avete catturato e coccolato, per un testo scritto male o in modo poco avvincente!

Come abbiamo detto prima, servono le parole giuste al momento giusto.

Per questo sono fondamentali 4 aspetti:

  • buyer persona: chi scrive deve aver chiaro e scolpito in mente chi è la buyer persona del proprio brand;
  • brand: chi scrive deve conoscere il brand come le proprie tasche (visione, missione, obiettivi, cultura d’impresa…);
  • tone of voice: chi scrive, lo deve fare con il giusto tono in funzione della buyer persona che ha davanti per non essere mai fuori luogo;
  • empatia: chi scrive deve sempre ricordare una regola aurea “scrivi come lo vorresti leggere tu”.

Tutto il resto è tecnica e un pizzico di sperimentazione (lo dico sempre; sperimentare è una chiave fondamentale). Servono sintesi, semplicità, originalità e nel contempo accoglienza e umanità. E’ necessario far sentire l’utente rassicurato e vicino; parte di un noi. Bisogna sempre pensare che dall’altra parte del monitor ci sono persone con desideri, paure e necessità. E se un testo è scritto bene e in forma corretta per il target, sarà più semplice guidarli nella loro esperienza digital.

Certo, serve anche una buona dose di neuromarketing.

Ma è un altro discorso e ne scriveremo più avanti!

Tornate a leggerci!!!!

Workout Magazine By Studio Chiesa Communication

Post correlati

Digital Marketing

SI PUÒ PARTIRE SOLO DALLA PERSONA, ANCHE NEL B2B

Le aziende di maggior successo si fondano tutte sullo stesso principio chiave: i clienti (siano essi buyer o consumatori finali) sono anzitutto delle persone.

leggi tutto →
Digital Marketing

TRADURRE E LOCALIZZARE: L’INSEGNAMENTO DI SAN GIROLAMO!

Mattina, ore 8.30. In auto nel traffico cittadino – per fortuna il mio molto scarso – dopo…

leggi tutto →
Digital Marketing

PROGRAMMATIC ADVERTISING: COME CAMBIA L’ADV NEL DIGITAL MARKETING

Essere inflessibili in un modo super-flessibile. Essere ancora più veloci di chi, per definizione, è già il più veloce..

leggi tutto →